Racconti in valigia: sport e viaggio oltre i propri limiti.

Riccardo, autore del sito Riccardo Monzoni , ci ha portato oggi alla scoperta dei suoi viaggi: sport estremi, avventura, che gli regalano però una sensazione finale di benessere. Avventuratevi con noi nel suo racconto:

 

Raccontaci un pò di te e del tuo sito

Nato a Tolentino, classe 1989. Esperto in preparazione fisica, tecnica e mentale in diverse discipline sportive. Diploma di perito informatico, Laurea Triennale in Scienze Motorie Sportive e della Salute (L-22), Magistrale in Scienza dello Sport (LM-68), psicologo dello sport e Dottore di ricerca in Scienze della Vita, Salute e Biotecnologie.

Oggi, lavoro come consulente sportivo e ricercatore presso l’azienda Benelli Armi S.p.A. (Urbino) e studio prevalentemente il rapporto tra arma e tiratore.

Essendo un ricercatore ed un appassionato di numerosi sport outdoor, tra i quali: trekking, triathlon, snowboard, tiro a volo e tiro con l’arco, ho deciso di realizzare un sito internet per raccontare le mie esperienze in giro per l’Italia e per il mondo.

Cosa ricerchi in un viaggio? Relax o Avventura?

Nei miei viaggi ricerco prevalentemente l’avventura, la quale però mi porta a provare, nella maggior parte delle volte una sensazione elevata di relax e di benessere.

Per esempio, scalare una montagna con le sole proprie forze, senza aiuto alcuno, esternamente potrebbe essere visto come un viaggio avventuroso e pieno di pericoli, però, quando si raggiunge la vetta e si decide di mangiare un panino, bere un sorso d’acqua ed osservare il panorama dall’alto, il senso di libertà e di soddisfazione per il traguardo raggiunto portano ad una sensazione di relax assoluto.

Alcune volte però, soprattutto durante i viaggi di lavoro, la tranquillità di una SPA o una camminata in centro città possono risultare rilassanti e al contempo utili per concentrarsi sul lavoro da svolgere.

Quando viaggi ti dedichi comunque all’attività sportiva?

Difficilmente parto per un viaggio senza la mia attrezzatura sportiva la quale varia in base alle stagioni dell’anno ed alla meta prevista.

D’inverno le opzioni principali prevedo discese con lo snowboard intervallate da trekking su ghiacciai e neve fresca; mentre d’estate le possibilità sono maggiori e vi è l’opportunità di muoversi tra le montagne (trekking, arrampicata, trail) ed il mare (nuoto, canoa, triathlon).

Credi che la disciplina sportiva tipica di un paese riveli qualcosa della sua cultura?

Io penso che oramai la maggior parte delle discipline sportive vengono svolte in tutto il mondo, perciò identificare la cultura di una nazione attraverso uno sport tipico risulta veramente difficile.

Abbiamo però la possibilità di valutare alcuni atteggiamenti dei tifosi, dei tecnici e degli stessi atleti (come vengono affrontate le sfide, le vittorie, le sconfitte, il rispetto dell’avversario, delle regole, …), i quali ci portano ad identificare in modo più preciso la cultura.

Grazie Riccardo, è sempre bello vedere quanto la passione per lo sport si leghi a quella per il viaggio. Vi ricordiamo che potete trovare maggiori dettagli su Riccardo e il suo lavoro  qui

Sei un viaggiatore? Vuoi provare a viaggiare e vivere le stesse esperienze di Riccardo?

Visita il sito!

Condividi questo articolo con i tuoi amici

Come funziona Rolling Pandas?

req

Crea il tuo viaggio

  • Viaggia in tutto il mondo
  • Scopri 1000+ tour organizzati
  • Più di 200 partner scelti con cura
prev

Ricevi il preventivo

  • Manda la tua richiesta senza impegno
  • Ricevi il preventivo da un esperto locale
  • Prenota con un clic
go

Parti in sicurezza

  • Piattaforma per pagamenti sicuri
  • Utilizzato da centinaia di viaggiatori
  • Opzioni di pagamento flessibili

Vuoi fare un viaggio su misura? Contatta un operatore locale!

mood_bad
  • Non ci sono commenti
  • chat
    Aggiungi un commento
    keyboard_arrow_up