Racconti in valigia: Marocco, un popolo semplice e cordiale

Oggi il Panda ha il piacere di intervistare Giada, esperta di viaggi, ed autrice del blog I viaggi di Giada, nel quale racconta ai suoi lettori delle sue esperienze e dà preziosi consigli a chi si vuole mettere in viaggio. 

Ecco per voi la sua intervista:

Raccontami qualcosa su di te e su come nasce il tuo blog

Sono Giada Alessia, una ragazza per metà Veneta e per metà Trentina del SudTirol. Da quando sono piccola ho la passione per il viaggio, tramandata dalla mia parte paterna che sono una famiglia di girovaghi, infatti ho parenti in molte parti del mondo. 

Finiti gli studi e appena sono diventata autonoma, ho iniziato a viaggiare in giro per il Mondo, per visitare posti vicini e lontani, per scoprire culture diverse e per sorprendere i miei occhi e il mio cuore. 

Ho deciso di aprire il mio blog di viaggi un paio di anni fa come regalo per i miei 30 anni, per condividere le mie esperienze di viaggi passate e per quelle che ancora sto organizzando.

Amo viaggiare perché è l’unica cosa che mi fa sentire viva veramente.

Amo viaggiare perché il mondo è così infinitamente grande e noi siamo così microscopicamente piccoli.

Amo viaggiare per superare i miei limiti fisici e mentali, per non avere pregiudizi, per allargare le vedute e per mettermi in discussione continuamente.

Amo viaggiare perché la vita è così breve, gli anni passano in fretta e c’è ancora così tanto da scoprire, da ammirare e da provare.

Amo viaggiare per confrontarmi con persone di culture diverse, per comprendere le diversità e le somiglianze.

Amo viaggiare per scoprire profumi e cibi nuovi.

Amo viaggiare perché ho nel sangue questa energia che non posso fermare… E non voglio, perché sono innamorata del mondo e voglio continuare a vivere con lo stupore nel viso.

Viaggiare fa bene al nostro corpo, alla nostra mente ma soprattutto alla nostra anima.

Ho visto che hai visitato il Marocco, cosa ti ha spinto a scegliere questa meta?

Ho visitato il Marocco perchè è sempre stato nella mia lista dei desideri, insieme ad Egitto Antico (che è stato il mio primo viaggio dopo gli studi) e Sud Est Asiatico che invece non sono ancora riuscita a visitare ma spero di vedere presto. 

Sono sempre stata attratta da luoghi con usanze e religioni molto diverse dalle mie e dopo che sono stata in Marocco un weekend lungo a marzo, me ne sono completamente innamorata , infatti questa settimana ho prenotato il volo per tornare durante le vacanze di Natale una settimana in questa terra magica, dai colori caldi, dai profumi speziati e dalla musica che ti incanta.

Cosa caratterizza la popolazione marocchina?

Ho trovato il popolo marocchino molto gentile e disponibile con noi turisti occidentali, ovvio siamo sempre visti come un pollo da spennare ed è per questo che consiglio a tutti di stare sempre molto attenti alle truffe e non andare in giro con vestiti o accessori troppo appariscenti, soprattutto all’interno dei suq, ma per il resto le città sono sicure.

Il Marocco è un popolo ancora molto povero e semplice, che sa vivere con poco, con l’artigianato di pellame, tappeti, ceramiche, gioielli e con quello che la terra riesce a donare  con l’agricoltura dei datteri, frutta secca e olio di argan. La popolazione marocchina sa ancora cosa vuol dire aiutarsi in famiglia e tra conoscenti, valore che ormai noi occidentali abbiamo quasi dimenticato. Ho trovato questo popolo ancora molto genuino, sopratutto appena si esce dalle grandi città e si attraversano le campagne e le zone desertiche.

Quali sono le tappe must in un viaggio in Marocco?

Secondo me le tappe fondamentali in un primo viaggio in Marocco sono: le famosissime città di Marrakech e Fes come punti di arrivo/partenza dove dedicarci circa un paio di giorni, poi spostarsi nel deserto dove dormire una notte e nel tragitto vedere le scimmie ad Azrou, la svizzera marocchina a Ifrane, la città blu di Chefchaouen, l’antica città imperiale di Meknes e Volubilis, la Kasba con i suoi giardini che si affacciano sull’oceano a Rabat, la moschea visitabile dai non musulmani di Casablanca e il villaggio di pescatori di Essaouira.

 

Le foto che avete visto sono state scattate proprio da lei!

Vi ricordiamo che, se volete contattare Giada, volete ispirazioni e consigli per il prossimo viaggio in Marocco o volete seguire le sue avventure, potete trovare il suo sito  qui 

Sei un viaggiatore? Vuoi vivere le le stesse esperienze di Giada?

Visita il sito!

Condividi questo articolo con i tuoi amici

Come funziona Rolling Pandas?

req

Crea il tuo viaggio

  • Viaggia in tutto il mondo
  • Scopri 1000+ tour organizzati
  • Più di 200 partner scelti con cura
prev

Ricevi il preventivo

  • Manda la tua richiesta senza impegno
  • Ricevi il preventivo da un esperto locale
  • Prenota con un clic
go

Parti in sicurezza

  • Piattaforma per pagamenti sicuri
  • Utilizzato da centinaia di viaggiatori
  • Opzioni di pagamento flessibili

Vuoi fare un viaggio su misura?

mood_bad
  • Non ci sono commenti
  • chat
    Aggiungi un commento
    keyboard_arrow_up