Tempo di lettura: 8 minuti

Un’immersione nel mare della Birmania

Una Birmania selvaggia e incontaminata, sconosciuta e inesplorata, intatta e genuina. Un viaggio nell’Eden birmano alla scoperta delle sue spiagge incontaminate e sconosciute, un viaggio paradisiaco tra i suoi tramonti, un viaggio celestiale in una terra ancora vergine.

O meglio in un mare ancora tutto da inaugurare e nel quale immergersi.

Il mare della Birmania infatti rappresenta, tra le sue alte e aspre montagne e le verdi foreste pluviali, qualcosa ancora di ignoto ai più: il turismo di lusso non è la norma e non è ancora così facile trovare spiagge attrezzate, con ombrelloni e bar per prendere l’aperitivo come capita in altre zone del sud-est asiatico. Si conserva ancora l’essenza autentica di un’Asia perduta: per quarant’anni è rimasto estraneo alle vie del commercio internazionale e ha conservato i caratteri di una società pre-consumistica, dove il “longyi” e le “tong sono gli unici indumenti disponibili.

La Terra dorata, il Paese delle Mille Pagode, luogo del passato sempre presente.

Il tempo si è fermato e il mare delle Birmania con lui: chilometri e chilometri di costa si srotola selvaggia e incontaminata, affacciata fra il Golfo del Bengala e il Mar delle Andamane, nell’Oceano Indiano.

 

  1. Le 4 personalità del mare in Birmania
  2. Qualche consiglio

 

In Birmania il mare ha tante personalità quante sono le sfaccettature dello spirito del paese: occhiali di sole alla mano e si va a conoscerle tutte!

1. Le 4 personalità del mare in Birmania

“Il sale deve avere qualcosa di sacro, infatti si trova nel mare e nelle lacrime.”

E il mare della Birmania non è da meno: è sacro come tutto quello che lo circonda, come lo spirito birmano, come la filosofia buddhista.

 

 

Ascoltate solo quello che hanno da dire le sue onde e per il resto… immergetevi tra le sue spiagge candide e meravigliose!

 

Ngapali Beach, la nostalgica

Ngapali Beach è considerata la spiaggia più bella della Birmania. Qui la spiaggia è bianca, il mare è cristallino e a fare da contorno a questo meraviglioso scorcio, lungo più di sette chilometri, sono numerose palme di cocco e una natura tropicale rigogliosa e ricchissima. Una curiosità che renderà forse un po’ più simpatica questa particolare spiaggia agli italiani è il fatto che il suo nome derivi da quello della partenopea città di Napoli, a cui si è voluto fare omaggio nominando questa località.

myanmar

Pur essendo ancora un posto ancora relativamente remoto, Ngapali Beach è una delle spiagge più turistiche del Myanmar, complice anche il fatto che è ben collegata e facilmente raggiungibile da Yangon tramite voli aerei, mentre rimane di difficile accesso per i viaggiatori che si recano in Birmania in macchina, in quanto la zona non è ancora sufficientemente attrezzata per permettere un viaggio sicuro e confortevole. Anche sulla spiaggia stessa iniziano a essere visibili i primi segni di un’industria turistica più consapevole, in quanto è possibile noleggiare attrezzature per fare vari sport acquatici, nonché per dilettarsi con immersioni e snorkeling.

Per i più sportivi è anche a disposizione un servizio di noleggio kayak e un campo da golf, nel caso si volessero fare attività anche non direttamente sulla spiaggia. Anche a livello di strutture si hanno diverse opzioni, fra cui caratteristici piccoli bungalow dove è possibile alloggiare e qualche ristorante dove può essere sicuramente un’esperienza consigliata quella di assaggiare il pesce appena pescato, cucinato secondo le ricette locali.

Nonostante in tempi recenti, Ngapali Beach sia diventata la spiaggia di riferimento dei turisti e anche una meta prestigiosa per i birmani più abbienti, lo spirito tradizionale della località di mare rimane infatti ancora vivo e la sua cultura fondata sulle attività tradizionali, soprattutto la pesca, è tutt’oggi profondamente radicata nella quotidianità degli abitanti.

Ngapali Beach è il luogo ideale dove rilassarsi e prendere il sole, godendo del mare piacevolmente temperato e calmo, adatto anche a chi decide di recarsi in Birmania per una vacanza in famiglia.

La natura è comunque splendida, quindi anche osservare la foresta circostante o dedicarsi a semplici immersioni è un’attività più che consigliata. Inoltre, la spiaggia è generalmente non troppo frequentata e abbastanza tranquilla, dunque non si rischia di essere disturbati eccessivamente se si desidera semplicemente godersi la serenità del momento.

 

Ngwe Saung, l’innamorata

Se visitate la Birmania per il suo mare, Silver Beach è un’altra tappa che vi possiamo caldamente consigliare.

myanmar

Ngwe Saung, questo il nome locale della spiaggia, si trova non lontana da Yangon, città più grande nonché precedente capitale della Birmania (attualmente è stata spostata a Naypyidaw), quindi può essere una meta adatta da esplorare nel caso voleste fare una gita di qualche giorno per allontanarvi dal caos della città.

Le due località sono collegate in modo abbastanza efficiente: voli aerei, un percorso stradale della durata di circa sei ore o, molto caratteristico e adatto per godersi lo stupendo panorama locale, un viaggio in barca di circa sedici ore, perfetto per affrontare il tragitto più con calma, immergendosi davvero nella natura birmana.

Non distante neanche dalla più famosa Ngapali Beach, Silver Beach ne condivide la bellezza, fatta sempre di un cristallino e pulitissimo mare e di distese di sabbia bianca. A differenziarle, però, è il fatto che la zona di Silver Beach è stata scoperta ed esplorata in modo approfondito solo recentemente, quindi Ngwe Saung rimane tutt’oggi una zona alquanto selvaggia, poco propensa al turismo di massa.

Se siete, quindi, alla ricerca di una zona da esplorare zaino in spalla, assaporando un forte senso di avventura, quella di Silver Beach può essere una parte della Birmania adatta a voi, specialmente se amate anche le immersioni, che qui possono rivelarsi davvero spettacolari. A sottolineare il senso di maggiore avventura e genuinità di questa zona, uno dei pochi servizi offerti è molto lontano dal lusso che ci si può aspettare in altre località simili: la possibilità di noleggiare un motorino come mezzo di trasporto per andare alla scoperta delle zone circostanti la spiaggia, un modo insolito e divertente per destreggiarsi nei dintorni di Ngwe Saung.

L’atmosfera che si respira qui è estremamente romantica e quello che si può percepire è il fascino di un luogo incontaminato, perfetto per chi, ad esempio, sta facendo un tour della Birmania all’insegna di un avventuroso viaggio di coppia.

 

Chuang Tha, la selvaggia

Se siete a Yangon, destinazione molto popolare per chi ne sta facendo un tour delle località più popolari del mare in Birmania, una spiaggia che potrete facilmente raggiungere è quella di Chuang Tha.

myanmar

Forse non spettacolare come le due spiagge citate precedentemente, Chuang Tha ha come lato positivo il fatto di essere raggiungibile molto facilmente e in modo veloce dalla città, un aspetto che la rende una meta particolarmente amata anche da un gran numero di abitanti locali. Inoltre, Chuang Tha può anche essere una base perfetta da cui partire per esplorare le zone vicine. In alta stagione, infatti, è facile prendere a noleggio una barca, che può essere utilizzata per andare alla scoperta delle numerose isolette che si affacciano su Chuang Tha, che i birmani consigliano come location di grande bellezza.

È una spiaggia che si è aperta solo negli ultimi tempi al turismo esterno, quindi non offre particolari servizi, ma visitandola ci si può immergere in un’atmosfera molto autentica, sia per l’onnipresente natura incontaminata, sia per la sensazione di familiarità e di genuinità che dà il fatto che sia visitata soprattutto da abitanti del luogo, specialmente come meta per una pausa da prendersi durante il weekend, per staccare dalla quotidianità.

A caratterizzare la spiaggia di Chaung Tha è anche la presenza di una piccola pagoda, un tempio della religione buddhista, che, pur non essendo paragonabile alle maestose costruzioni simili che si possono trovare in altre zone del paese, è comunque un “tocco di colore” che contribuisce ancora di più a dare il senso di un luogo alquanto caro alla popolazione di Yangon e della zona circostante.

 

Kanthaya Beach, la piacevole

Se durante il vostro viaggio per il mare in Birmania sognate di trovarvi in un luogo profondamente incontaminato, Kanthaya Beach è la location che vi consigliamo. Il suo nome in inglese è Pleasant Beach, che potrebbe essere tradotto come “spiaggia piacevole”, un titolo che dice molto sulla bellezza e sulla serenità di questo luogo.

Questa spiaggia rappresenta la quintessenza della natura tropicale birmana, una zona dove non è ancora arrivato nessun tipo di sviluppo e da cui il turismo è ancora del tutto assente – a esclusione di qualche avventuroso viaggiatore zaino in spalla e qualche abitante del luogo.

Kanthaya Beach può essere perfetta per chi decide di visitare la Birmania con uno spirito di esplorazione, perché dà proprio la sensazione di ritrovarsi in un paradiso incontaminato, ma anche per chi sta facendo un viaggio in compagnia o con gli amici, per combattere il senso di solitudine che un luogo così selvaggio può talvolta provocare.

Non è facile trovare un albergo in cui alloggiare per visitare questa spiaggia e nei suoi dintorni non sono presenti ristoranti, negozi, servizi di noleggio o comodità di altro genere: si tratta di un luogo realmente genuino, perfetto per prendersi una pausa completa da qualsiasi tipo di trambusto quotidiano, lasciando la vita urbana al di fuori dei confini di questa spiaggia. In sé, quindi, questa spiaggia non offre praticamente nulla di particolare da fare, ma talvolta anche solo avere la possibilità di passare del tempo in tranquillità, senza distrazioni, è una splendida opportunità, di cui potrebbe essere splendido e unico approfittare.

2. Qualche consiglio

La sacralità del mare in Birmania si riflette anche nella cultura locale: pudicizia è la parola chiave! Infatti in Birmania non è comune indossare bikini o comunque un abbigliamento da spiaggia troppo esplicito o eccessivo. Per una questione di rispetto nei confronti della gente del luogo meglio indossare e dotarsi di vestiti sufficientemente coprenti o costumi non troppo scoperti, per non rischiare di offendere la popolazione del luogo. Sobrietà e rispetto per chi ci ospita.

Ma quando andare? La Birmania ha un clima tropicale, con la stagione monsonica che va da maggio ad ottobre ed una stagione secca specialmente tra dicembre e marzo, con temperature alte e precipitazioni praticamente assenti. I mesi più caldi dell’anno sono quelli che sfiorano anche i 40° C.

Il periodo migliore per andare è da dicembre ad aprile: non piove e non fa troppo caldo. Si scelgono quindi i mesi invernali per visitare questo paese fuori dal comune, che presenta luoghi e una cultura del tutto affascinanti: foreste di teak, piccoli villaggi su montagne inaccessibili, tre monete diverse, il buonissimo piatto del Mohinga, pescatori intha e il loro curioso modo di portare la barca servendosi della gamba come remo. Questo e tanto altro.

Questa è la Birmania e sarà diversa da ogni altra terra che tu possa aver conosciuto”. Così la tratteggiò Rudyard Kipling.

Condividi questo articolo con i tuoi amici

Come funziona Rolling Pandas?

req

Crea il tuo viaggio

  • Viaggia in tutto il mondo
  • Scopri 1000+ tour organizzati
  • Più di 200 partner scelti con cura
prev

Ricevi il preventivo

  • Manda la tua richiesta senza impegno
  • Ricevi il preventivo da un esperto locale
  • Prenota con un clic
go

Parti in sicurezza

  • Piattaforma per pagamenti sicuri
  • Utilizzato da centinaia di viaggiatori
  • Opzioni di pagamento flessibili

Vuoi fare un viaggio su misura? Contatta un operatore locale!

mood_bad
  • Non ci sono commenti
  • chat
    Aggiungi un commento
    keyboard_arrow_up