Racconti in valigia: “Le mille e una notte”, alla scoperta dell’Oman

Oggi il Panda ha il piacere di intervistare Alessandra, esperta di libri ed autrice del blog letterario Le mille passioni di Pinella, nel quale racconta ai suoi lettori delle sue esperienze, della sua vita e delle sue letture, dando preziosi consigli a coloro che vogliono mettersi in viaggio, anche metaforico! 

Ecco per voi la sua intervista:

Raccontami qualcosa su di te e su come nasce il tuo blog.

 Mi chiamo Alessandra, ho 28 anni e ho aperto il mio blog “Le passioni di Pinella” nel 2015.

Ho scelto di creare questo mio spazio perché amo molto scrivere e mi piace l’idea di condividere le mie esperienze con le altre persone.

Nel mio blog troverete tante recensioni di libri e racconti dei miei viaggi in giro per il mondo.

Leggere è sempre stata la mia più grande passione fin da quando ero bambina, ricordo di aver sempre avuto la mia cameretta piena zeppa di libri che divoravo in pochi giorni.

Da qualche anno invece ho avuto la fortuna di iniziare a viaggiare molto, in compagnia di mio marito, ed ho scoperto che anche girovagare da uno Stato all’altro mi rende particolarmente felice.

La maggior parte delle volte ci troviamo a decidere la prossima meta sul volo di ritorno, mentre siamo ancora in procinto di tornare a casa dal viaggio appena compiuto.

Probabilmente avrei dovuto scegliere un solo argomento sul quale incentrare il mio blog, ma non riuscivo proprio a decidermi.

Perché farlo?? In fondo ho scoperto che libri e viaggi sono collegati ben più di quanto si pensi.

Credi che la lettura di un libro possa essere fonte di ispirazione per un nuovo viaggio?

Assolutamente si! Vi faccio un esempio.

Negli anni ho letto diversi libri su Enrico VIII e la dinastia dei Tudor. (vi possono consigliare i romanzi storici di Philippa Gregory, mi sono piaciuti moltissimo!)

Questi personaggi,  la loro vita , i loro intrighi e il periodo storico nel quale sono vissuti mi hanno affascinato fin da subito.

Ho iniziato a sognare di poter visitare Londra e di ripercorrere le loro storie, camminando nei luoghi dove hanno vissuto.

Due anni fa mi si è presentata l’occasione e sono finalmente volata a Londra per passare quattro giorni in questa magnifica città.

Non riesco a descrivere l’emozione che ho provato quando sono entrata in Westmister Abbey e mi sono trovata di fronte alle tombe delle due regine Elisabetta I e Maria Stuart oppure nella Torre di Londra guardando di persona il luogo dove Enrico VIII fece decapitare due delle sue mogli:  Anna Bolena e Caterina Howard.

E questo collegamento libri-viaggi funziona in entrambe le direzioni.

Tornata da un viaggio in Thailandia mi è capitato , del tutto per caso, di leggere un libro ambientato a Bangkok. Il fatto di essere stata in quella città solo poche settimane prima mi ha certamente aiutato ad apprezzare il libro ancora di più. La curiosità era irrefrenabile. Continuavo velocemente con la lettura per l’emozione di sentir parlare di luoghi nei quali ero stata anche io.

 

Abbiamo letto che sei stata in Oman, come è nato questo viaggio?

Fino all’anno scorso sinceramente non avevo mai sentito parlare dell’Oman né tanto meno sapevo in che parte del mondo si trovasse. 

Un giorno su Youtube sono incappata in alcuni video/documentari di viaggi girati da Stefano Tiozzo, un bravissimo fotografo che ora non posso fare a meno di continuare a seguire.

Tra i suoi tanti viaggi mi ha colpito quello fatto in Oman.

A convincerci a partire verso questa meta è stata la voglia di vedere per la prima volta il deserto.

In una settimana di tour ci siamo immersi in una cultura molto diversa dalla nostra, assaggiato cibi nuovi, incontrato persone splendide e visto luoghi bellissimi.

Passare la notte di Capodanno nel deserto, isolati dal caos e starsene a mezzanotte sdraiati, con il naso all’insù, a guardare le stelle, è stata l’esperienza più bella, quella che mi porterò per sempre nel cuore.

 

 

Hai un consiglio di lettura che possa ispirare i nostri lettori ad avventurarsi in Medio Oriente?

Quando penso ad un viaggio, come quello che ho fatto in Oman, mi vengono in mente il profumo delle spezie, il sole caldo, i souq affollati, i colori accesi, le notti stellate e la sabbia del deserto. Sono ambientazioni che ritroviamo nella raccolta di novelle “Le mille e una notte”.

Se invece siete amanti dei romanzi storici vi consiglio i libri di Wilbur Smith, per esempio “Il Dio del Fiume” e “Il Dio del Deserto”, ambientati nell’antico Egitto, posseggono al loro interno delle accurate descrizioni dei paesaggi che vi faranno venire voglia di partire in esplorazione del deserto e delle sue oasi.

Grazie Alessandra per i tuoi preziosi consigli di lettura, il Panda non vede l’ora di tuffarsi in questa nuova lettura alla scoperta dell’Oman!

Vi ricordiamo che, se volete contattare Alessandra, volete ispirazioni e consigli sul prossimo viaggio in Oman o volete seguire le sue avventure, potete trovare il suo sito  qui 

Sei un viaggiatore? Vuoi vivere le stesse esperienze di Alessandra?

Visita il sito!

Condividi questo articolo con i tuoi amici

Come funziona Rolling Pandas?

req

Crea il tuo viaggio

  • Viaggia in tutto il mondo
  • Scopri 1000+ tour organizzati
  • Più di 200 partner scelti con cura
prev

Ricevi il preventivo

  • Manda la tua richiesta senza impegno
  • Ricevi il preventivo da un esperto locale
  • Prenota con un clic
go

Parti in sicurezza

  • Piattaforma per pagamenti sicuri
  • Utilizzato da centinaia di viaggiatori
  • Opzioni di pagamento flessibili

Vuoi fare un viaggio su misura?

mood_bad
  • Non ci sono commenti
  • chat
    Aggiungi un commento
    keyboard_arrow_up