Racconti in valigia: In viaggio ci vuole.. Brain and Heart!

 

Ci avviciniamo al fine settimana  con una intervista speciale per il Panda: siamo infatti entrati nel mondo di Dario, il fondatore di Brain and Heart e dell’omonimo blog, nel quale racconta  delle sue bellissime esperienze nell’area balcanica, specialmente in Albania. Ci ha raccontato di come organizza i viaggi, e ci ha spiegato cosa lo affascina di questa zona. Curiosi?

Ecco per voi la sua intervista:

Raccontaci un pò di te e di come nasce Brain and Heart;

Mi chiamo Dario Pellè e sono fondatore di Brain and Heart, una giovane e dinamica società albanese che si occupa principalmente di turismo, viaggi e vacanze.

Tre anni fa arrivai in Albania da solo con la mia moto. Pensai che un viaggio su due ruote fosse ideale per scoprire un nuovo paese e imparare a conoscere tutte le sfumature del territorio.

Bastarono pochi giorni per capire che il potenziale turistico in Albania è enorme e tutto da scoprire.

Avevo progettato questa avventura imprenditoriale per anni ma non mi sarei mai aspettato di poter realizzare il mio sogno: trasformare le mie passioni per le due ruote, per la barca a vela e per l’avventura vissuta all’aria aperta in un vero e proprio progetto imprenditoriale.

Devo all’Albania ed al suo sistema estremamente accogliente per le Strat Up la possibilità di realizzare il mio sogno. In soli tre anni sono diventato uno tra i maggiori operatori turistici stranieri in Albania ed il principale promoter per il turismo.

Abbiamo visto che vi occupate di viaggi in Albania. Cosa ti ha affascinato di questo paese? Ma soprattutto, qual’è il vantaggio di vedere questo paese “su due ruote”?

Il patrimonio naturalistico albanese è una vera e propria risorsa per uno dei paesi più poveri del mediterraneo. La bellezza della natura selvaggia si contrappone ad un processo di modernizzazione veloce e inarrestabile. Negli ultimi tre anni ho viaggiato in lungo e in largo per tutto il paese ed ho visto trasformate le città come i piccoli villaggi isolati tra le montagne. Il progresso è inarrestabile, veloce e virtuoso.

Secondo me il turista in Albania segue il mio stesso percorso e, anche se è limitato dalla brevità della vacanza, riesce a cogliere gli aspetti più significativi di questo bellissimo paese:

  • la natura è ancora protagonista e padrona di gran parte del territorio (in Albania ci sono poco più di 2 milioni di abitanti e quasi tutti concentrati nelle città) e quindi il fascino della natura selvaggia e rigogliosa è una attrazione a cui non siamo più abituati e la conferma è negli occhi di tutti quelli che si incantano di fronte alle acque di una cascata o al verde di una foresta.
  • Il progresso e l’energia vitale che scorre in questo paese ogni giorno migliorano il presente: strade, palazzi, civiltà. Tutto è in costante miglioramento e questo moto positivo contagia anche chi è solo di passaggio.

In motocicletta questa combinazione di cose si traduce in un viaggio perfetto tra natura e civiltà. Le foreste si attraversano su ottime strade e la simpatia e l’accoglienza della gente è confermata da tutti i cartelli che annunciano ai bikers che sono benvenuti.

Abbiamo letto che viaggiare nei Balcani può comportare delle difficoltà sottovalutate. A cosa ti riferisci? Perchè appoggiarsi ad una guida locale potrebbe evitarle?

Esistono due modi di viaggiare in moto: improvvisando e programmando.

Chi improvvisa non si preoccupa dei chilometri da percorrere, di cosa mangiare e di dove andare a dormire (alla peggio hanno la tenda nel bauletto!)

Chi programma vuole dormire in un letto comodo, mangiare cose buone e particolari, visitare tutto quel che val la pena di vedere e fare meno strada possibile sotto il sole.

Ecco, in Albania chi improvvisa deve essere in grado di sopportare ogni genere di difficoltà mentre chi “programma” troverà un ambiente del tutto diverso a quello a cui è abituato.

Qui per vivere una bella vacanza in moto le alternative sono due: essere preparati a tutto e pronti a improvvisare oppure affidarsi a qualcuno che conosce molto bene il territorio e che ha una fitta rete di partner affidabili e collaudati..come me!

L’alternativa è quella di improvvisare, dormire dove capita e pagare più del dovuto per servizi scadenti.

Perdere l’occasione di fare un viaggio meraviglioso in un paese ineguagliabile è un vero peccato e sottovalutare problematiche come trovare un hotel o mangiare dove si paga il giusto mangiando la vera cucina locale è molto facile se non si fa riferimento a guide esperte e capaci.

In Albania siamo ancora lontani dagli standard europei ed anche le strutture di lusso hanno spesso sorprese inaspettate e sgradite.

I tuoi viaggi sono vere e proprie esperienze. Quali tra quelle che hai fatto ti ha emozionato di più e perchè?

Il viaggio esperenziale è la prerogativa principale di Brian and Heart: oggi siamo tutti bravi a programmare un itinerario usando Google Maps o prenotare un hotel usando Booking. Ora, fatte salve le avvertenze che ho già fatto sull’utilizzo di questi sistemi “fai da te” qui nei Balcani, la differenza tra viaggiare da soli o partecipare ad uno dei miei viaggi è proprio nella mia conoscenza del territorio. Se il gruppo è in ritardo si pranzerà comunque in orario, in un ristorante diverso da quello programmato ma altrettanto bene! Se fa caldo e vogliamo fare il bagno ci fermeremo sempre nella spiaggia più bella e più adatta alle esigenze del gruppo.

Nei primi giorni di viaggio tutti, ma proprio tutti, sono diffidenti e mi guardano incuriositi. Dal secondo o terzo giorno al massimo si fidano di me. Bastano pochi giorni per capire che nulla è lasciato al caso e che ho sempre la risposta giusta per qualsiasi esigenza. Ogni viaggio che facciamo è sempre viaggio diverso e comunque bellissimo.

Il motivo è nascosto nel mio passato: per 15 anni ho gestito una discoteca in cui avevo 1500 persone a settimana. Ho imparato a capire la gente ed a farla divertire. Mi basta poco per capire esattamente cosa vuole chi viaggia con me e la conoscenza del territorio fa il resto: vogliono la spiaggia isolata e deserta, qualche kilometro ed eccoci! Si cerca divertimento in Spiaggia? Noleggiamo una moto d’acqua! Vogliono mangiare pesce fresco ben cucinato? Devo solo chiamare il mio amico che ha il ristorante e prenotare!

Mi chiedi cosa mi ha emozionato di più?

Ecco, mi succede ogni volta: è il momento in cui ci salutiamo. Quando accompagno il gruppo al porto e le strette di mano si trasformano in abbracci!

Gli inviti che ricevo per andare a tutti i motoraduni d’Italia e sempre corredati dalla stessa frase: “Se vieni dalle nostre parti ti restituiremo il favore: strade meravigliose e cibo da scoppiare!”

La bellezza di un paese può stupirti e affascinarti ma la stima e il calore dell’affetto di tanti nuovi amici fa spuntare una piccola lacrima sul mio viso ogni volta che, dopo un viaggio tutti insieme, me ne torno a casa da solo..io e la mia amata TDM 900

Grazie Dario, per averci fatto viaggiare assieme a te.  Dario condivide con Il Panda come avete letto la passione per i viaggi, i viaggi esperienza: bisogna vivere a fondo il territorio in cui ci si trova, e farlo affidandosi ai conoscitori del posto è il modo migliore!

Vi ricordiamo cari lettori che le foto che avete visto sono tratte proprio dal suo blog e dai suoi viaggi!

Se volete ispirazioni per il prossimo viaggio, volete viaggiare con Dario o volete mettervi in contatto con lui, vi lasciamo il link al suo sito qui.

Sei un viaggiatore? Vuoi vivere le stesse esperienze di Dario?

Visita il sito!

Condividi questo articolo con i tuoi amici

Come funziona Rolling Pandas?

req

Crea il tuo viaggio

  • Viaggia in tutto il mondo
  • Scopri 1000+ tour organizzati
  • Più di 200 partner scelti con cura
prev

Ricevi il preventivo

  • Manda la tua richiesta senza impegno
  • Ricevi il preventivo da un esperto locale
  • Prenota con un clic
go

Parti in sicurezza

  • Piattaforma per pagamenti sicuri
  • Utilizzato da centinaia di viaggiatori
  • Opzioni di pagamento flessibili

Vuoi fare un viaggio su misura?

mood_bad
  • Non ci sono commenti
  • chat
    Aggiungi un commento
    keyboard_arrow_up