Racconti in valigia: Dalla Passione al Lavoro

Oggi il Panda inizia la settimana intervistando Anna, viaggiatrice professionista e autrice del blog Anna Scrigni che ci ha raccontato di sè e delle sue esperienze di viaggio!

Siete curiosi di sentire cosa ha da dirci Anna?

Ecco a voi la sua intervista:

Raccontami qualcosa su di te e su come nasce il tuo blog;

Il mio blog è nato in un momento in cui la mia vita lavorativa si era fermata per la nascita di mio figlio. Io sono nata a Trieste dove ho vissuto fino a 26 anni. Ho studiato Beni Culturali e ho fatto un master in organizzazione di eventi, ma poi le cose hanno preso una strada inaspettata. 

Ho conosciuto mio marito, mi sono trasferita a Roma e ho cominciato a lavorare come producer in ambito televisivo occupandomi della produzione di videoclip musicali e pubblicità. Nulla di tutto ciò era stato programmato, mi sono trovata catapultata in una vita nuova lontana dalla mia città. 

Dopo qualche anno è nato Bernardo e a quel punto, in un momento di pausa lavorativa, ho deciso di aprire il mio blog. Nonostante abbia preso il mio progetto sempre molto seriamente, solo dopo qualche tempo si è fatta strada in me l’idea di farlo diventare un lavoro. 

Da qualche mese a questa parte, nelle nostre vite è arrivata anche Carolina, mia figlia. Ovviamente i miei viaggi sono molto cambiati da quando ci sono i bambini e se prima il blog parlava solo di “luoghi belli da visitare” adesso parla soprattutto di “luoghi belli da visitare con bambini al seguito”.

Come nasce la tua passione per i viaggi?

Quando ero bambina i miei genitori mi portavano in viaggio. A quei tempi non esistevano i voli low cost o i portali per affittare gli appartamenti a basso costo. I viaggi erano diversi, ci si spostava in macchina e per risparmiare si dormiva nei campeggi. Non che di viaggi ne facessimo chissà quanti, ma una volta ogni tanto partivamo per 2 o 3 settimane in giro per l’Europa. Immagino che la mia passione per i viaggi sia nata da lì.

Mi ricordo molto bene il viaggio in Spagna, era il 1993 e io avevo 9 anni. Partenza da Trieste e arrivo a Gibilterra. Di quel viaggio conservo il ricordo della visita al palazzo dell’Alhambra, la bellezza della moschea di Cordoba, la visita ai musei di Mirò e Dalì e naturalmente le scimmie libere di Gibilterra. 

A 13 anni poi ho avuto la fortuna di andare a Londra per una vacanza studio. Per me è stata un’esperienza incredibile: ho preso l’aereo per la prima volta e sono volata lontano da casa in una città incredibile. Di Londra poi mi sono innamorata e ci sono tornata tante volte negli anni successivi.

Dopo quel viaggio improvvisamente mi si è aperto un mondo davanti: ho preso consapevolezza del fatto che viaggiare è probabilmente la cosa più bella del mondo. 

Quali sono i criteri che usi per decidere se una città o luogo vale la pena di essere visto o meno?

Ho la tendenza a pensare che ogni luogo abbia qualcosa da offrire, magari non sempre qualcosa di eccezionale, ma sono sicura che ovunque ci sia qualcosa di bello da vedere se lo sai cercare. 

Quando devo scegliere di vedere una città piuttosto che un’altra, mi metto a fare un lavoro di ricerca minuziosa per trovare tutto quello che mi potrebbe piacere. In genere inizio da Instagram per trovare un po’ di ispirazione, poi passo a leggere guide online e articoli di blog. In questo modo mi faccio un’idea generale del luogo che voglio visitare e faccio una lista delle cose che voglio vedere.

Una volta i miei criteri di scelta si basavano molto sui musei che volevo visitare e sulle opere d’arte che volevo vedere. Si è poi aggiunta la passione per la street art e spesso sono andata a visitare città dove sapevo avrei trovato murales particolarmente belli.

Da un po’ di tempo a questa parte mi interessa molto l’architettura, quindi sono attratta da città che offrano, tra le altre cose, qualcosa di interessante da vedere da questo punto di vista. 

Ultimamente poi non posso fare a meno di scegliere una destinazione anche in base a quello che ha da offrire per i bambini. Non è un vero e proprio criterio di scelta, ma ovviamente avendo un bambino di quasi 5 anni che inizia a voler dire la sua su dove andare e cosa fare, cerco di invogliarlo a vedere una città raccontando le cose fantastiche che vedremo. Quindi se una città ha per esempio un bel museo di storia naturale o un acquario o offre qualcosa di veramente speciale è tutto più semplice!

Che luogo consiglieresti ai nostri lettori, perchè?

Questa estate assieme alla mia famiglia, ho fatto un lungo viaggio in macchina da Roma ai Paesi Bassi. Abbiamo percorso 3500 km, siamo passati per 6 paesi diversi e abbiamo visitato 10 città straniere. Il tutto con due bambini al seguito di 4 anni e 6 mesi. Ogni città che ho visto mi ha colpito per un motivo o per l’altro ma di sicuro ho trovato molto speciali le città olandesi.

In particolare Utrecht mi ha stregata e consiglio a chiunque voglia andare in Olanda di visitare questa città. Di Utrecht mi è piaciuta la dimensione a misura d’uomo, la città infatti si può visitare tranquillamente a piedi nonostante non sia poi così piccola. Ho amato il fatto che le macchine siano praticamente inesistenti. Tutti si spostano in bicicletta ed è molto piacevole camminare per la città fatta di strade pedonali, senza contare il fatto che con i bambini è tutto più semplice. 

Abbiamo preferito affittare una casa anziché stare in albergo, così ho avuto modo di stare in una vera casa olandese di quelle con l’entrata su strada, il tetto a punta e le grandi finestre. Nella nostra via davanti ad ogni casetta c’era parcheggiata una o più biciclette e accanto alla porta c’è l’usanza di mettere una panchina dove ci si può sedere a bere una tazza di tè e a leggere un libro. 

Di Utrecht mi sono veramente innamorata e sarei pronta a partire oggi stesso per andare a viverci!

 

Le immagini che avete visto sono tratte direttamente dalle esperienze di Anna, presenti nel suo blog!!!

Ringraziamo ancora Anna per questa bellissima intervista. Se volete più informazioni utili sulle sue esperienze o sui suoi viaggi, le potrete trovare nel suo blog qui!

Sei un viaggiatore? Vuoi provare a viaggiare e vivere le stesse esperienze di Anna?

Registrati subito!

Condividi questo articolo con i tuoi amici

Come funziona Rolling Pandas?

req

Crea il tuo viaggio

  • Viaggia in tutto il mondo
  • Scopri 1000+ tour organizzati
  • Più di 200 partner scelti con cura
prev

Ricevi il preventivo

  • Manda la tua richiesta senza impegno
  • Ricevi il preventivo da un esperto locale
  • Prenota con un clic
go

Parti in sicurezza

  • Piattaforma per pagamenti sicuri
  • Utilizzato da centinaia di viaggiatori
  • Opzioni di pagamento flessibili

Vuoi fare un viaggio su misura?

mood_bad
  • Non ci sono commenti
  • chat
    Aggiungi un commento
    keyboard_arrow_up