Racconti in valigia: camminare diventa social!

Oggi pomeriggio Alessandro ci ha portato alla scoperta di una nuova interessante realtà: il Social Trekking, un modo per vedere luoghi nuovi, mantenersi in forma e fare nuove amicizie… tutto nello stesso momento! Ecco per voi la sua intervista

Ci racconti un pò di lei e di Social trekking;

Io cammino da 30 anni. Ho iniziato partendo da casa e ora vado per tutto il mondo a viaggiare e ad accompagnare persone che vogliono vedere le cose in maniera lenta e più coinvolgente. Sono guida escursionistica e da due anni anche presidente della cooperativa Walden viaggi a piedi, una realtà che ha fatto del turismo a piedi la sua missione. Il social trekking è una idea che è nata per dare ancora più un significato di incontro reciproco e di conoscenza all’esperienza dell’andare a piedi. Ogni anno organizziamo un grande evento in una città diversa d’Italia, proprio per dare questa possibilità di scambio di relazioni.

Quale camminata consiglierebbe ai nostri lettori per avvicinarsi al mondo del trekking?

Ormai il camminare non è più un fenomeno di nicchia, sono sempre più le persone che fanno escursioni domenicali vicino a casa o partono per dei lunghi cammini. Basta pensare a cosa è diventato il fenomeno del Cammino di Santiago. Per inziare seguite i programmi di qualche associazione escursionistica vicino a voi e poi venite ai nostri incontri annuali di Social Trekking. Se devo consigliarvi un cammino nostrano vi consiglio di pensare al tratto Toscano della Via Francigena, di una bellezza senza uguali.

Ho visto che nel suo sito si parla di turismo responsabile e sostenibile. Pensa che in Italia sia sviluppato a sufficienza? Quali sono le azioni che potremmo intraprendere in vacanza a tal proposito?

 

Direi che la cosa migliore da fare sarebbe quella di camminare tutti il più possibile. La vacanza vista non come forma passiva e consumistica, basta pensare ai villaggi vacanza, ma invece prediligere una vacanza a piedi; attiva, ecologica, sostenibile ed economica.

L’esperienza di trekking più bella che hai fatto, e perchè.

Difficile sceglierne una dopo aver fatto tante esperienze. Io prediligo camminare nella natura, ma anche scoprire i lati culturali della terra che attraverso. Le camminate nei vicini paesi balcanici e in Medio Oriente mi hanno sempre lasciato delle emozioni profonde, non solo per la bellezza dei luoghi, ma soprattutto per il calore umano che ho sempre incontrato. Devo dire che è lì che ho imparato il valore e il dono dell’ospitalità.

Grazie Alessandro per questi interessanti spunti, speriamo che molti dei nostri lettori siano ora pronti a iniziare con il trekking, sapendo che non solo fa bene alla salute, ma anche al loro umore, soprattutto se condiviso con altri. Per maggiori informazioni sul Social Trekking vi ricordo che potete trovare  il sito qui.

Sei un viaggiatore? Vuoi provare a viaggiare e vivere le stesse esperienze di Alessandro?

Visita il sito!

Condividi questo articolo con i tuoi amici

Come funziona Rolling Pandas?

req

Crea il tuo viaggio

  • Viaggia in tutto il mondo
  • Scopri 1000+ tour organizzati
  • Più di 200 partner scelti con cura
prev

Ricevi il preventivo

  • Manda la tua richiesta senza impegno
  • Ricevi il preventivo da un esperto locale
  • Prenota con un clic
go

Parti in sicurezza

  • Piattaforma per pagamenti sicuri
  • Utilizzato da centinaia di viaggiatori
  • Opzioni di pagamento flessibili

Vuoi fare un viaggio su misura? Contatta un operatore locale!

mood_bad
  • Non ci sono commenti
  • chat
    Aggiungi un commento
    keyboard_arrow_up